La treccia tagliata

  • Collana:  Fuori Catalogo
  • Dimensione: 10,5x17,5
  • Pagine: 96, Brossura
  • Anno di pubblicazione: 2009
  • Isbn: 978-88-6393-013-9
  • PREZZO: 5,00

La treccia tagliata

«Le forbici di metallo nero disegnarono una breve traiettoria nell’aria, prima di cadere. Un frammento si staccò dalla punta schizzando chissà dove, le forbici rimbalzarono e giacquero a terra, ma nessuno le notò perché tutti si erano precipitati a soccorrere il commilitone che si era accasciato. Ne avevano viste e sopportate tante durante la guerra; sopravvissuti a quell’immenso orrore, non ritenevano fosse il caso di preoccuparsi tanto per un malore.» L’irredentismo, l’emigrazione di massa, la Prima guerra mondiale, l’epidemia di «spagnola»… Uno spaccato della storia italiana del primo Novecento, osservato non attraverso il prisma dei grandi fatti e dei grandi protagonisti, ma attraverso quello degli «ultimi». Una commovente storia familiare di miseria, amore e morte, ambientata tra il profondo Abruzzo contadino e le fangose trincee sul Carso. La treccia tagliata ha vinto il primo premio nella sezione Racconti della prima edizione del «Premio letterario del Leone… alla memoria…»

Rassegna Stampa

Nel libro c’è commozione, struggimento, sentimento di appartenenza a una terra. La scrittura è fluida, a tratti felicemente descrittiva. Non mancano suggestioni nelle quali ci piace indovinare la scia di alcune pagine indimenticabili della nostra letteratura, da Un anno sull’altopiano di Emilio Lussu a Fontamara di Ignazio Silone. Leggi l’articolo.

Abruzzo Cultura

Irma Di Patre

Irma Di Patre (Teramo, 1949) è laureata in Lettere. 
Dal 1975 al 2006 ha insegnato presso diversi istituti scolastici elementari.
Ha sempre coltivato la passione per la lettura, i viaggi e i gatti. 
Ama scrivere racconti e cimentarsi con la decorazione su vetro.