La giovinezza malinconica e disillusa di Adolf Hitler

  • Collana:  Fuori Catalogo
  • Dimensione: 14x21
  • Pagine: 384, Brossura
  • Anno di pubblicazione: 2012
  • Isbn: 978-88-6393-082-5
  • PREZZO: 5,00

La giovinezza malinconica e disillusa di Adolf Hitler

0
false

14

18 pt
18 pt
0
0

false
false
false

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-style-parent:””;
font-size:12.0pt;”Times New Roman”;
mso-fareast-“Times New Roman”;
mso-bidi-“Times New Roman”;}

È vero che le sue origini sono oscure. È vero, i suoi talenti mediocri. Certamente sua madre morì troppo giovane, ma le sue passioni non furono mai intense, né eccezionali. Forse proprio l’ordinarietà della sua giovinezza è la forza di questo romanzo, in cui, mano a mano che seguiamo le disavventure del giovane Adolf, dalla nascita al periodo viennese, l’ostinata determinazione con cui persegue i suoi miseri obiettivi non può non turbarci, inquietarci, farci riflettere.

Michel Folco non è un biografo, anche se la sua opera è accuratamente documentata, ma con la sua ironia tagliente e sottile come la lama di un coltello, ci narra in che modo la semplice banalità del male possa trasformarsi nel peggior incubo dell’umanità.

Michel Folco

È vero che le sue origini sono oscure. È vero, i suoi talenti mediocri. Certamente sua madre morì troppo giovane, ma le sue passioni non furono mai intense, né eccezionali. Forse proprio l’ordinarietà della sua giovinezza è la forza di questo romanzo, in cui, mano a mano che seguiamo le disavventure del giovane Adolf, dalla nascita al periodo viennese, l’ostinata determinazione con cui persegue i suoi miseri obiettivi non può non turbarci, inquietarci, farci riflettere.

Michel Folco non è un biografo, anche se la sua opera è accuratamente documentata, ma con la sua ironia tagliente e sottile come la lama di un coltello, ci narra in che modo la semplice banalità del male possa trasformarsi nel peggiorincubo dell’umanità.